Consigli sulla menopausa

Come affrontare alcune problematiche legate a questa importante fase della vita di una donna, in maniera serena e tranquilla, con preparati naturali.

Che cos'è la menopausa?

Si definisce menopausa la scomparsa definitive delle mestruazioni e la perdita di fertilità. Ciò perchè le ovaie non sono più in grado di produrre ormoni femminili e di far maturare ogni mese una cellula uovo per la fecondazione.
Questo fenomeno di norma avviene tra i 45 e i 55 anni, ma può tuttavia essere anticipato. In questo periodo, che dura in media 2/3 anni si definisce climaterio, e nonostante l'ovulazione sia ancora in atto, possono insorgere alcuni sintomi tipici della menopausa:
-alterazioni del flusso mestruale, che precedono l'ultima mestruazione,
-vampate di calore e sudorazione profusa che provocano disagio, disturbano il sonno e possono influire sulla vita relazionale,
-disturbi del tono dell'umore, irritabilità, depressione, ansietà ecc,
-problemi dell'apparato genitourinario, come cistiti, uretriti, incontinenza urinaria, prurito e bruciore vaginale da secchezza ed atrofia delle mucose,
-riduzione dell'elasticità e del trofismo della cute e dei suoi annessi (unghie e capelli).

Ed alcune patologie correlate, quali:
osteoporosi: malattia dello scheletro caratterizzata da una riduzione del calcio nelle ossa,
rischio cardiovascolare: in età fertile il rischio di infarto è minore rispetto agli uomini, per l'azione degli estrogeni ovarici, in menopausa il quadro si ribalta.

Che cos'è il burro di Karitè?

Il Karitè è un burro che si estrae dal frutto di una pianta che cresce spontanea in Africa. L'estrazione del burro di karitè può avvenire: a caldo, con conseguente irrancidimento, oppure a freddo come avviene per FITNESS IPER K: il prodotto conserva inalterati i principi attivi e rimane inodore.
L'impiego del burro di karatè è indicato nella difesa delle alterazioni della cute e delle mucose con risposte particolarmente positive nei casi di secchezza, fragilità, disidratazione, irritazioni e nella prevenzione d'ulcerazioni e ragadi.

Il burro di karitè è ricco di:
VITAMINA A, un deficit nutrizionale della stessa può determinare situazioni patologiche a livello cutaneo ed in particolare ipercheratosi cutanea clinicamente visibile con aspetti desquamativi e metaplasia squamosa di alcune mucose, quella orale e quella genitale. Certo è il suo ruolo nella regolarizzazione cellulare a livello epidermico, nell'attività di rigenerazione delle fibre collageniche dermiche, come immunostimolante, preventiva dell'invecchiamento cutaneo.
VITAMINA E, definita come antiossidante fisiologico, previene e rallenta il formarsi dei radicali liberi, non agisce a livello ectodermico, ma solo dove la circolazione capillare sottoepidermica è alterata e dove il tessuto connettivo appare alterato: se la cute è anelastica, matura, se l'attività sebacea è ridotta, la vitamina E non deve mancare.
VITAMINA F, gli acidi del vitageno F accelerano la cicatrizzazione delle ferite e, in condizioni normali, attivano il ricambio dei grassi cutanei, migliorano la nutrizione e la difesa cutanea con prerogative autosterilizzanti.

Indicazioni:
rassodante, per azione degli insaponificabili che stimolano a produrre collagene, elastina ed acido iarulonico. Nei casi di secchezza vaginale, distrofie vulvovaginali, craurosi, è coadiuvante nella cicatrizzazione dopo teraia chirurgica locale, come coadiuvante dopo terapia topica esterna con conrtisonici, lichen, herpes vaginalis, vaginosi (vulvovaginiti recidivanti sostenute da batteri e candida trichomonas con infiammazioni, gonfiori, ecc.) invece di cortisonici, karitè più terapia specifica; per il massaggio perineale, come coadiuvante nei trattamenti riabilitativi nei casi di rilassamento pelvico.

Come utilizzare il karitè in menopausa.

L'assottigliamento della mucosa vaginale (vaginite atrofica) si instaura col tempo durante la menopausa; la lamentata secchezza che rende i rapporti sessuali dolorosi, e quindi più difficili, è attribuita ad una carenza estrogenica. Le creme agli estrogeni possono essere utilizzate, ma il loro effetto è solo momentaneo. Si possono quidi utilizzare le piante officinali ad azione estrogenica quali: actea racemosa, salvia officinalis, humulus lupulus, medicago sativa; nonchè l'uso di FITNESS IPER K, che date le sue proprietà stimola le cellule alla produzione di collagene quindi a ristabilire l'equilibrio idrolipidico dei tessuti, prolungandone l'effetto nel tempo.

Soprattutto nelle donne che hanno avuto figli, si possono verificare casi di rilassamento pelvico: "vagina atonica" che può causare una minore sensibilità sessuale; e il "cistocele", ossia il cedimento della parete della vescica; il prolasso uterino, cioè il cedimento dei legamenti e dei muscoli pelvici in seguito al quale l'utero si abbassa all'interno della vagina; o "l'incontinenza urinaria da sforzo". Per prevenire o migliorare i disturbi di questo tipo l'esercizio più indicato è la cosiddetta "contrazione di Kegel". Tale esercizio, che interessa il muscolo pubococcigeo, è una vera e propria ginnastica.